La mia vacanza in Sardegna

Sono tornata dalla mia vacanza e riprendere la routine di tutti i giorni è sempre dura, sopratutto se si torna da una terra da sogno come la Sardegna.
In questo post cercherò di raccontarvi il mio viaggio, mostrandovi le foto delle spiagge più belle che abbiamo visitato.

La vacanza è durata una settimana (dal 22 al 29 Agosto) e siamo partiti in due coppie. Abbiamo viaggiato con la nave Moby (Civitavecchia – Olbia) e soggiornato in un residence nel Golfo Marinella (a nord di Olbia): Baia de Bahas.
Questa era la vista mare dal nostro balcone!

baia de bahas golfo marinella

Residence Baia De Bahas

La casa era molto carina e attrezzata. Avevamo il mare a pochi passi e il supermercato/bar/edicola dietro l’angolo.
Da lì ci siamo spostati in macchina, visitando una spiaggia al giorno e andando dalla Costa Smeralda al Golfo di Orosei.

1° GIORNO: siamo scesi nella spiaggia sotto casa, nel Golfo Marinella. Molto bello ma l’acqua non era trasparentissima. Poco più in là, infatti, si trovava un molo pieno di barche ormeggiate che potevano sporcare il mare. La sabbia era gialla e granulosa ma era un angolino davvero tanto tranquillo. Ottimo per le famiglie e per chi era alla ricerca di un po’ di relax, lontano da spiagge affollate.
Il golfo era pieno di yacht: cose da ricchi!

golfo marinella

Golfo Marinella

 

2° GIORNO: Abbiamo fatto tre soste a causa di un vento fortissimo che ci ha obbligato a cercare un posto riparato.
La prima è stata la Spiaggia Bianca, bellissima sopratutto verso gli alberi: meno gente, meno sabbia battuta e più tranquillità! Vi consiglio di inoltrarvi dentro e andare in esplorazione anche verso sinistra. Salirete percorrendo un sentiero che vi permetterà di ammirare tutta la spiaggia dall’alto. Il biglietto del parcheggio giornaliero costava 5€ e valeva per tutte le spiagge del Golfo Aranci.

spiaggia bianca

Spiaggia Bianca

spiaggia bianca 2

La Spiaggia Bianca vista dall’alto

Dicevo, il vento forte! Talmente forte che gli ombrelloni non ne volevano sapere di stare aperti. Per questo siamo risaliti in macchina per andare alla ricerca di Cala Sassari.
Anche questa però era inaffrontabile. Folate di vento fortissime, cavalloni e acqua oramai troppo sporcata dalle alghe. Metto una foto di come in realtà sarebbe stata la Cala in una giornata tranquilla.

cala sassari

Cala Sassari

L’ultima tappa della giornata è stata Spiaggia Ira. Siamo arrivati speranzosi di poter fare l’ultimo bagno della giornata e il vento ci ha graziati. Tanta gente, ma l’acqua era trasparente e caldissima!! Purtroppo non ho una foto decente.

spiaggia ira

Spiaggia Ira

 

3° GIORNO: Liscia Ruja! Un piccolo gioiello immersa nella tranquillità della Costa Smeralda.
Ovviamente la riva era disseminata di ciottoli portati dalla corrente del giorno prima. Camminarci sopra è stata una vera e propria impresa! Qui ho nuotato in mezzo ai pesci! Una cosa fantastica.

Liscia Ruja

Liscia Ruja

 

4° GIORNO: abbiamo deciso di scendere fino a San Teodoro per trovare una sabbia bianca, fina e SENZA CIOTTOLI!! Da casa distava un’oretta, ma ne è valsa la pena! Un vero paradiso per gli occhi!
Mi sono fatta tante di quelle passeggiate sulla riva che non avete idea! Per non parlare dell’acqua: trasparente, calda e di mille splendidi colori! Adoravo il fatto che si potevano fare svariati metri, ma l’acqua continuava a rimanere al di sotto delle ginocchia! Perfetta per giocare a racchettoni!

san teodoro

San Teodoro

 

5° GIORNO: Capriccioli – Porto Cervo!
Anche questa spiaggia ve la STRA consiglio! Si raggiunge a piedi da un parcheggio abbastanza distante. Sono 3 spiagge divise da scogli e tutte meravigliose! L’acqua è celeste, blu scuro e verde. La vista da uno dei punti più in alto è mozzafiato.

capriccioli

Capriccioli

capriccioli 2

Capriccioli dall’alto

 

6° GIORNO: Le Saline. Cercavamo una nuova spiagga da scoprire e abbiamo trovato questa. Lunghissima e, in assoluto, la meno affollata di tutte. L’unica cosa negativa era l’immane presenza di sassi e ciottoli sul fondale: era impossibile camminare! Costo biglietto del parcheggio giornaliero: 7€.

saline

Spiaggia de Le Saline

 

7° GIORNO: Gita in barca – Cala del bue marino. Se andrete in Sardegna vi consiglio assolutamente una gita in barca. Ce ne sono di tanti tipi, verso diverse mete e di diverso costo. Inizialmente eravamo interessati alla gita verso le isole (Maddalena, Tavolara ecc…); ma in 2 giorni di telefonate non siamo riusciti a trovare 4 posti liberi su una nave che non costasse una fortuna (dai 50€ in su). La nostra ultima speranza è stata farci un’ora di macchina fino ad Orosei e, da lì, salpare per le Grotte del Bue Marino, Cala Luna, Cala Goloritzè e Cala Mariolu. La fortuna ci ha assistito e, con soli 35€ (+8€ per le grotte) abbiamo navigato lungo il Golfo di Orosei vedendo degli scorci meravigliosi!
Prima tappa, appunto, le grotte. Antichissime e lavorate dalla forza dell’acqua, offrono una passeggiata molto suggestiva in quella che fino agli anni ’70 è stata la casa della foca monaca. Il percorso è lungo circa 1km all’andata e 1km al ritorno. Le foto purtroppo sono vietate (con o senza flash) così come i video, per una questione di copyright imposto dal comune (cosa molto discutibile)!

grotta del bue marino

L’entrata delle grotte

grotta del bue marino 2

Nella grotta si possono affittare i kayak

Dalle grotte la barca vi verrà a riprendere spaccando il secondo per avvicinarvi (senza sosta) a Cala Goloritzè. Si potranno scattare foto ed ammirare il magnifico mare azzurro!

cala goloritze

Cala Goloritzè

Dopo il pranzo a bordo della barca, per una mezz’ora si sosterà a Cala Luna, una spiaggia favolosa raggiungibile solo via mare. La forma è a mezza luna, appunto, e si è circondati da dei costoni di pietra altissimi! Acqua incredibile e pesci che ti nuotano intorno anche fino a riva! Purtroppo chi sceglie di visitare le grotte avrà poco tempo da passare in questa Cala. Altrimenti la sosta durerà un’ora complessiva.

cala luna

Cala Luna

cala luna 2

Cala Luna

L’ultima tappa della gita è Cala Mariolu: di gran lunga la spiaggia più bella e da sogno mai vista in questa nostra vacanza in Sardegna. Niente da invidiare alle Maldive!
La sosta qui è durata 2 ore e abbiamo potuto goderci il mare, immergerci e passeggiare sugli scogli. Per gli appassionati si possono fare delle immersioni guidate, con dei sub esperti, fino a 1 metro di profondità.

cala Mariolu

Cala Mariolu

cala Mariolu 2

Cala Mariolu

cala Mariolu 3

Cala Mariolu

 

DOVE MANGIARE. Gli unici due posti nei quali abbiamo mangiato (avendo una casa cucinavamo per conto nostro) sono stati: Sottomonte Da Giovannino (Golfo Aranci), per mangiare un ottimo porceddu – ma un po’ caro-, e Il Gambero (Olbia) per gustare il pesce appena pescato e un antipasto con salumi e formaggi sardi da leccarsi i baffi – prezzi ottimi!- !

LATI NEGATIVI. Ovviamente i prezzi. Essendo in Costa Smeralda non si può pretendere di pagare poco anche l’aria che si respira. Bisogna informarsi bene sui posti dove mangiare, da visitare ecc. Se conoscete qualcuno che abita in zona fatevi consigliare (noi abbiamo chiesto alla signora del supermercato!! LOL ) altrimenti andrete incontro a ladrate varie: tipo 3 spritz 30€ a Porto Rotondo!
Consigliatissimo Trip Advisor per leggere le recensioni!

Si è conclusa così la nostra vacanza in Sardegna!
Ci ho lasciato un pezzo di cuore e mi manca un sacco quel mare cristallino e quella sabbia morbida. Sicuramente ci ritornerò presto: certi posti non si dimenticano tanto facilmente!

DSC03966

Take care ♥

L.

I commenti sono chiusi.